.
.
.
.
.

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -

dal 1764 voce illuminista a Milano.

Translate

21 ottobre 2018

Un onda anomala.

Un onda anomala. 

"Il mare, frustato da raffiche prossime ai sessanta nodi, è decisamente agitato. Il primo Ufficiale, di guardia in plancia di comando, osserva gli imponenti marosi, alti tra i cinque e i dieci metri, infrangersi contro lo scafo della nave. D’improvviso un muro d’acqua, alto come un palazzo di otto piani, si materializza a poppa dell’unità. Pochi secondi e quell’onda, subdola e silenziosa come un killer, raggiunge la nave abbattendosi sul ponte."






Ormai ci siamo per la grande festa l'onda del  Natale  raggiunge i portafogli per eccellenza.
 La nostra felicità è posta sotto stress e per poterci soddisfare si deve, vogliamo partecipare. Chi non può... Non resta che la frustazione del momento o sperare che vi siano "valori superori" già sponsorizzati e chinare il capo davanti a sfarfallanti luci.
Superare questa fase di stress, per la maggioranza un momemnto di shopping compulsivo per alcuni è segno di preoccupazione sull'ignoto, da analizzare con attenzione. In una ricerca della Psichiatra Lorrin Koran pubblicata su" Italia salute" http://www.italiasalute.it/4930/Un-farmaco-per-curare-''shopping-compulsivo''.html  fà riflettere sull'uso di nuovi farmaci per curare questo strees, o di acquisti alternativi in fermaci. 

Non importa cosa ma comunque tutti comprano.  
Un idea dello  sfrenato bisogno di acquistare lo estrapoliamo con  questo articolo del gruppo editoriale GEDI pubblicato sulla  testata D.IT : "  Basta sensi di colpa: lo shopping è terapeutico. Riduce lo stress, migliora l'autostima e fa dimagrire". Responsabilmente alla fine ci indica in poche righe "l'altra faccia della medaglia" https://d.repubblica.it/life/2018/04/11/news/effetti_positivi_dello_shopping_calma_ansia_riduce_stress_i_vantaggi_della_shopping_therapy-3931258/ , viene conseguenzialmente da pensare: "ma bravi il livello di attenzione dei lettori è ben indirizzato, altrimenti bay bay budget pubblicitari." 
Ma ancor prima dell'incendio dello shopping di natale si apre la corsa pre-natalizia che è sempre un periodo frenetico. Daniel Evans il  direttore finanziario (opinion leader) presso lo specialista   Apple retail Stormfront indica secondo la sua sua idea le linee guida, su  Retail gazete https://www.retailgazette.co.uk/blog/2018/10/comment-how-tech-is-helping-alleviate-the-christmas-staffing-crunch/.  Non dimenticando di suggerire il software giusto al momento giusto.

Questa "onda" o "incendio di paglia" è anch'esso sotto stress nella globalizzazione, la guerra commerciale in corso non arriva al consumer ma come onde di mare in tempesta, la tempesta della globalizzazione.
In questo mare troviamo onde diverse, nella moda che ci coinvolge, sui piccoli grattacieli di Milano Italy Style.  "onde s'infrangono nel silenzio assordante".

La strategia bipolare assume contorni nuovi usata anche come eco.
 Le piramide degli investimenti pubblicitari è davanti a grandi interrogativi ( non ultimo quell dello strategico fee di agenzia che pesa sul costo finale,  si hanno già avuto precedenti percorsi e ben sappiamo che alla fine chi deciderà le sorti del mercato sarà l'industria.

Però vi è uno "scoglio nel mare" del è quelllo dei copyright  che  considerache  nello stesso tipo di creazione, ci sono alti costi di sviluppo, e una ricerca significativa sugli interessi umani. 
Pertanto, al fine di incoraggiare la creazione e la condivisione delle conoscenze, il copyright è  un premio per compensare la creazione o il costo di ricerca del creatore.  
D'innanzi alla globalizzazione anche la potente industria  Asiatica e non  solo, vuol dire la sua ragione,  ci troviamo in presenza di irrisolte questioni interpretative (macro) che vedono sistemi giuridici diversi interpretare,  le famiglie del common law, del civil law, del diritto socialista, del diritto islamico e del diritto asiatico. 
Dal punto di vista micro, invece,  avviene comparando il diritto "in famiglia" anche di due soli stati o, scendendo sempre più nel dettaglio, considerando singole materie, singoli istituti o singole norme.

Segmentazione dell'espressione mentale. 
Bei di Kant 1785  produce il saggio  "Von der Unrechtmäßigkeit des Büchernachdrucks" , un libro di consenso da leggere per integrare i principi del diritto d'autore moderno a che fare con il cercare di risolvere le controversie dell'editore stesso autore . 
Nell' ottobre del 1791 Fichte, Johann Gottlieb inriferendosi "Von der Unrechtmäßigkeit des Büchernachdrucks" a esercisce nel suo scritto inserendo una parabola/racconto molto significativa  riferendosi al califfo Aarun-al-Raschid nella sua saggezza nella Mille e una notte, 
http://www.zeno.org/Philosophie/M/Fichte,+Johann+Gottlieb/Beweis+der+Unrechtm%C3%A4%C3%9Figkeit+des+B%C3%BCchernachdrucks

Questi principi diventeranno ancora più evidenti se applicati a cose che sono state spesso confrontate e confuse con esse e, uno è giusto, e l'altro giusto, in un sistema in cui nulla è sbagliato rispetto a ciò che danneggia.

Micro con eco macro.
Il bipolarismo "strategico o causale, il tacito accordo" dei marchi registra sempre più new entry, 
in questo contesto si svolgono situazioni interessanti come per la Marca Superdry che ha citato in giudizio Jack Wills e un ex dipendente per il copyright e una presunta violazione del contratto.
L'ex capo dello sviluppo commerciale internazionale Greg Roberts ha lasciato Superdry per unirsi a Jack Wills a novembre : "Perché dovremmo copiare i loro disegni? I nostri vestiti sono indossati da giovani splendidi e attraenti e il loro appello alla mezza età ", ha detto al Daily Mail un insider dell'azienda, affermando che i marchi si trovano" dall'altra parte dello spettro l'uno dall'altro ".
Un'alta corte giudicante la scorsa settimana ha dato a Superdry due settimane per presentare il suo caso e ha negato la sua richiesta di accelerare il procedimento.
Il giudice ha anche stabilito che Superdry dovrebbe pagare i costi di £ 30.000 di Jack Wills.
I riflessi macroeconomici sono in discussione  e i loro riflessi 
 sono tanto da considersi anche in conseguenza dell'attuale guerra commerciale in corso, il motivo è di riflessione.


Chi ne fa spese, sono sempre i più fragili.
Le persone con la conseguenziale  che, l'uomo si trova su una strada senza sapere nulla del suo corso e non vuole avere questa prova basata su un tacito accordo, come non vuole sapere, inconsapevolmente è sottoposto alla viscidità di alcuni opportunisti al margine stesso della società, l'opportunismo del  furbo che convinto della sua leader schip cerca di sfruttare l'ignoranza della conoscenza e domanda se il tuo colore è bianco o nero, o cerca di sfruttare altre diverse differenze, per poi cercare di motivare il suo opportunismo nella giustificazione del bene, quello che si chiama manipolare le persone cogliendo la loro fiducia e nella quale sono sempre più coinvolte ragazzine/i sprovveduti a cui la scuola non è stata capace,  semplici persone alla ricerca di valori che diano un senso a una vita che la società attuale non sa offrire.

15 ottobre 2018

Khabib sul McGregor Leitai Pankration

L'incontro di arti marziali libere che ha vinto Khabib sul McGregor  corre ben oltre l'incontro  ha valenze sociali, politiche di economica e strategia internazionale. 

L'origine di questo sport è antica oltre  2000 anni, se ne trova traccia nel continente asiatico con il Leitai - un combattimento  che avveniva  sulla  "rovina" Leitai, che è un palcoscenico di alto livello, inizialmente senza ringhiere. Si dice che sia rintracciabile alla dinastia Qin della Cina . 
Oggi viene spesso definito un posto speciale per il wrestling o le arti marziali.

Pankration ( greco antico πανκράτιον ← πᾶν-  "all" + κράτος  "forza, potere") è un'antica forma olimpica rivitalizzata di combattimento singolo "pankration" un agone atletica, arte marziale, inclusa inizialmente nella competizione degli antichi Giochi Olimpici.

La penetrazione. Luci e ombre.
Il successo spettacolare di coinvolgimento per negli incontri singoli  è rilevante tanto che teatro che cinema ne hanno sfruttato il riflesso. Box nel secolo scorso, e nell'ingentilirsi del tennis, o  nel nuoto e altri dove sempre il sinolo fa la differenza.
VI sono altri interesse/spettacolo  e d'influenza sociale che negli anni hanno conteso il Leitai/pankration agli incontri singoli, il Calcio,Footbool,Rugby  e altri sport competitivi,  all'interno  di questi Sports dalla  struttura organizzata a team di giocatori nel fare squadra, il singolo ha da sempre avuto la leadership dell'attrazione, vedi Totti, Ronaldo. ecc. 
Resta l'incognita dell'uovo e della gallina, se è la squadra che fa esaltare il singolo o il singolo la squadra. 

L'interesse comune per tutti questi sports è su di  un altro Leitai, il business  dove sponsor e politica s'incontrano in un duello senza regole, anche se ciò è nascosto o velato dietro le quinte, non è conosciuto alla massa attenta allo spettacolo, passiva per propensione. Un Leitai dove si lotta  per il Potere economico quello che conta, non per la Gloria anzi essa stessa è venduta sotto forma di gadget.
Il potere è lotta è forza, in ogni segmento è a furia di diventare forte, sempre più forte, alla fine è diventato così forte che se si confronta con l'avversario diventa la sua fine. Non ci saranno vincitori. Einstein lo aveva già suggerito.
Pertanto meglio accettare formalmente il pari,  la X, e continuare a giocare dove il più capace il più furbo vince. Conseguenzialmente si creano dei vortici sociali dove il pubblico paga molto più di quanto crede di pagare.

Dividersi la torta: 
Il mondo è come una torta, solo che come ci si mette d'accordo come dividerla tra i commensali non va più bene e il cuoco la sostituisce con una altra diversa e la storia si ripete all'infinito. (Come impostare una struttura economica esempio l'oro su schemi fissi e non flessibili.  Eppure esiste è come dire l'assolutismo  nel sistema, uno schema rigido che s'innesta e vuole dominare il sistema flessibile naturale delle cose.)
   

L'interesse di attrazione dello spettacolo, il coinvolgimento delle masse forma il gregge; è il modo in cui lo si guida che conta. Il rapporto di qualità della vita del gregge è socialmente rilevante tanto da divenire elemento di attrazione.

Il conflitto:
Ben sappiamo quanto pesino gli Sponsor, che attualmente stanno cercando di superare una fase di evoluzione sociale in via di definizione, questa sarà anche conseguente alle scelte strategiche d'investimento. (ndr. e ci risiamo all'uovo e la gallina) 
Resta la consequenzialità, che se la gente non guadagna non compera e lo Sponsor soffre.  Il lavoro è in decrescita la robotizzazione l'evoluzione lascia spazi  pieni di incapacità di acquisto e pertanto inutili a certe fasce di prodotto, ma altre ben sanno come raschiare il fondo del barile.

La cura.
La lotta all'ultimo penny.

Se per vestirti basta un paio di jeans e una ti-short sei nel fondo del barile ed è qui che si raschia, arrivati a questo punto nella miseria disperata le soluzione sono di agguerrirsi e saltare sul Leitai personale, in alternativa rivolgersi a Dio.
Già Dio, anche lui su questa terra è montato sul Leitai, ormai la gente fuggita nella storia conosce il vizietto.

Il laitai del povero. 
Quando tutte le porte si sono chiuse o stentano ad aprirsi e la nostra aspettativa di qualità della vita è sotto stress, non resta altro che entrare in quella fascia scura, moralmente condannata, ma capace di muovere ricchezza e offrire una qualità di vita che se pur moralmente e fisicamente compromessa non ti emargina economicamente.
Chi non ce la fa subisce e con l'ultima miseria cerca di dimenticare, di distarsi, di non pensare.
Questa fascia è così rilevante e numerosa che se  la contendono tutti.
Anche se è semplicemente e limitatamente esposta questa in sintesi è il muro.

Il combattimento tra Khabib McGregor ha rappresentato l'apoteosi  nel sistema Leitai. 
Nell'incontro spettacolo ha venduto oltre 3 milioni di ticket per la PPV, dovrebbe aver garantito un minimo di 2 milioni di dollari e un ulteriore bonus lo garantisce anche lo sponsor Reebok a Khabib.
 per McGregor   potete leggere l'impronta,  nella classifica degli sportivi più pagati al mondo, stilata dalla rivista specializzata Forbes in merito al lasso di tempo compreso tra il giugno 2017 e quello 2018, Conor McGregor si è piazzato al quarto posto con dei guadagni pari a 84 milioni di dollari. Se ben guardiamo sopratutto emerge che è sponsor di un Whisky strategico e il ritorno d'immagine sulla sua sconfitta ha un valore estremamente elevato.


" e pensò al vincitore e disse" - se le parti lottano concederò i miei piaceri sia all'uno che all'altro e così sarà sempre vincitrice -.
Quello che fa l'attento investitore, compra un po di azioni dell'uno e dell'altro, solo che a lui rimangono le cedule, all' amante rimane la speranza del rivoglio e che non la si sia dimenticata come un "punto di zavorra" legata a qualche perdente opportunista. 

Qualsiasi investitore un po sgamato sa che gli investimenti rifugio in tutti i periodi di grande crisi, mentre investimenti generalizzati vanno in perdite, investimenti in alcol e droghe schizzavano verso l'alto. Ma il futuro pare incerto.


Interessanti sono i movimenti di capitale relativi alle bevande che stanno avvenendo in questo comparto e stanno completandosi con il business della marijuana,  fasce di mercato ben note per la loro fragilità è un antico spazio commerciale  e un segmento che sta investendo con guadagni notevoli superiori a quello del comparto informatico, anche di Apple,  e il continuo flusso d denaro in questa direzione è in costante aumento.
Previsione di una esagerata crisi prossima? 
Il ricco bottino fa gola a tutti.
Questo per il mercato economico che affiora mentre per quello profondo le cose non si sa come vanno o almeno non vengono dette.

L'america con il suo periodo di proibizionismo ha fatto storia e come sono andate le cose, il superamento di questa fase, sta facendo l'altra l'onda lunga cavalcata dalla politica.
La lotta sul leitei - Alcol egreement è la possibile vincente a breve termine, quello che ci si può augurare è che non scompaiano culture come è avvenuto nel passato, una biodiversità culturale necessita all'umanità intera, cancellare gli errori fatti va bene ma preservarli quale memoria richiamo  al sapere, sarebbe saggio. 

Noi bevitori di acqua "piovana" restiamo  aspettando che spiova guardando  una vecchia Maserati.
Già poiché anche l'acqua costa e quando il "Vincitore" che vince il gioco non rispetta gli amici, considerare il riconsiderare il Fair Play, diventa necessario al fine di non assistere e sostenere i falsi copioni. 

Generalmente la natura si auto ripara ma non si può riparare il dolore ad un lottatore che ha vinto e vince, a cui  non viene pagato il premio, solo contro una squadra non gli si può proporre di risolvere i suoi mali con una bottiglia di Teaquila.




Come si dice "uno sguardo vale più che mille parole abbiamo scelto lo sguardo più bello per chiudere questo pezzo di una storia fantastica  del Sussex. 







1 ottobre 2018

Recessione o ...

Recessione o ...

Inizia un ottobre nel segno di una possibile prossima recessione, certo è che attualmente la maggiorana delle persone  non ha notato il crescita, espansione, ma comunque qualcosa è cambiato.
L'informazione economica si espone nell'incognita che il pessimismo possa trasformarsi in ottimismo,  interessante l'analisi viene oggi pubblicata dal Sussidiario http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2018/9/30/PIL-E-LAVORO-La-rivoluzione-piu-importante-dell-avvento-di-robot-e-automazione/841647/,
ma una attenta riflessione nel cambiamento porta a inaspettate soluzioni , sia per il mercato sia locale che per quello globale, alcune sono già state sperimentate anche in Russia e purtroppo non ne sappiamo i risultati.
Di fatto necessita una ridistribuzione della ricchezza e le strade da percorre sono tante anche se nuove e pertanto sperimentali.
Il freno a questa ridistribuzione è evidente nella perdita sempre  della leadership politica a favore di quella economica. La politica dovrà cambiare e strutturasi strategicamente negli interessi globali, resta il grave pericolo che paesi come l'italia ricadano in errori già fatti di raccomandazioni e inciuci al fine di mantenere la propria dominanza sul sistema.
Anche Bloomberg  indica il pericolo di recessione -vidi: https://www.bloomberg.com/news/articles/2018-10-01/two-thirds-of-u-s-business-economists-see-recession-by-end-2020?srnd=fixed-income.

Se però guardiamo profondamente l'argomento possiamo essere ottimisti, strade nuove da percorrere ce ne sono - vidi: https://il-caffe-di-milano.blogspot.com/2018/10/prosecco-e-oltre.html e non solo una variazione  strategica che riguarderà settori già economicamente rilevanti.
La torta è stata fatta, anzi le torte sono pronte, ora bisogna dividerle equamente e questo sarà l'incognita specie con l'attuale mentalità di emarginazione che colpisce alcune fasce di mercato escluse, tra cui le più consistenti quelle dei giovani e degli anziani.
Necessita un integrazione di fatto e non solo una apertura sulla fascia di età intermedia questo a sostegno della economia, una strategia ancora lontana dalla visione d'insieme politica, ma necessaria al superamento di strategie obsolete.