.
.
.
.
.

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -

dal 1764 voce illuminista a Milano.

Translate

3 maggio 2014

"Bravi" ci siete riusciti finalmente! Ucraina è guerra!

Ucraina. Kramatorsk, 10 feriti, tra cui un morto

Resta incomprensibile agli occhi della gente semplice ciò che sta accadendo in Europa.  
Forse è l’ultima pena che il capitalismo ci farà subire alla gente. 
Una vicenda sconcertante che ci sta portando direttamente e senza fermate verso la terza guerra mondiale, pagata e sofferta come al solito da tutti i semplici gli umili.  
Come sempre ne usciranno intonse e ben arricchite le religioni e i poteri forti, che poi alla fine  ci comprenderanno e ci consoleranno delle nostre sofferenze, però  senza loro pagare pena! 
E’ la storia che si ripete.
Incomprensibile, come incomprensibili sembrano ormai queste prossime votazioni che non presentano nel loro  insieme la realtà principale che dovremmo comprendere poter decidere. La domanda è vecchia: Europa o Eurasia? Chi deve continuare a pagare? Perché sempre noi?
Eppure vi è una illogica logica che ci sta guidando in nome di una Democrazia che non è più tale, in nome di una libertà che non è più tale, in nome di un benessere che è un sogno per molti  venduto nella speranza di una lotteria a premi ma senza vincitori  e che alla fine risulta essere  l' inganno di una fantastica pubblicità ingannevole.
Mai abbiamo avuto una guerra sui nostri pascoli da circa 70 anni,  questa ha  lo  stile e tattica della guerra del Vietnam e non avrà fine sinché la gente convinta del giusto non vincerà o un esercito di scimmie poliziotto non obbligherà allo schiavismo la cultura. 
Onore, coraggio, dovere e sacrificio sono parole che andranno ridisegnate e spiegate alle prossime generazioni in modo onesto e sincero,  non da furbi opportunisti dell’avidità  ma da uomini che ritroveranno nel valore dell’uomo, nella comprensione della sua capacita evolutiva, nella comprensione della svelta tra padroni e schiavi, o tra esseri umani,  il loro significato indicando la cultura il sapere il conoscere una necessita, un diritto universale per tutti gli uomini.  Per giungere a questo stadio,  l’umanità dovrà soffrire pene e dolori causati dall'avidità di coloro che con la scusa della ignoranza tengono gli uomini relegati nella stessa ignoranza,  oscurando ogni sapere. 
Se  guardiamo verso tutti i continenti nelle lotte dirette  indirette per l’energia, anche se non vogliamo ancora prenderne coscienza stiamo già vivendo il peggior incubo che l’umanità ha mai affrontato, anche questa volta ci saranno le scelte che ognuno dovrà fare per sopravvivere, ma soprattutto per poter vivere con dignità e rispetto, sempre se gli eventi non lo travolgeranno e dovrà ancora subire ingiustamente.