.
.
.
.
.

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -

dal 1764 voce illuminista a Milano.

Translate

14 ottobre 2014

Boldrini una vanitosa al Potere! Costituzione Internet? Un falso per manipolare l'opinione pubblica e mantenere i privilegi! Boldrini e 27 opportunisti di Stato!

« Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti.
Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza. »
(Il primo articolo della Dichiarazione universale dei diritti umani.)
Che ci siano cose molto più urgenti  a cui pensare tutti lo sanno, il fatto tragico che persone come la Boldrini e  27 parlamentari europei  cercano di imporsi  dimenticando anche quanto  indicato  anche dalla Mary Robinson   Alto Commissario dell'ONU per i Diritti Umani,  ricordiamo le parole che sono ancora fonte di speranza per tutta l'umanità : "Non c'è più alcun dubbio dei legami tra corruzione, povertà e abusi dei diritti umani.Uno Stato aperto e trasparente provvederà alla piena realizzazione dei diritti economici, sociali e politici.  Ci saranno meno segreti, meno discriminazione e parità di accesso ai servizi pubblici quali l'istruzione e la sanità, così come ad un trattamento equo da parte della polizia e della magistratura. Uniamoci per combattere la corruzione. E 'una battaglia che può essere vinta. 
Che questa opinione sia giusta?
L’Italia è trasparente? NO!  Pertanto quale garanzie può dare una carta  dei diritti formulata in un sistema senza trasparenza? NESSUNA!  Come la Storia dell’uomo insegna , non vi può essere alcuna Legge giusta a favore dei Diritti Umani se alla sua fonte non vi è trasparenza! 

Si aprirà così la consultazione pubblica  sul testo della Carta dei diritti in Internet elaborata dalla Commissione di uno Stato, quello Italiano, in occasione del semestre di presidenza; consultazione formulata sulla buona fede e credulità del popolo che ignora, ma soprattutto sulle  influenze dei lobbisti  specie quelle legate ai media tradizionali a cui Sua Eccelllenza è da sempre legata quale giornalista.  Proposta formulata da politici che operano in un paese  che ha fatto e sta facendo tutto per attuare un ritardo nella evoluzione  informatica e civile, che opera da tempo nel cercare di trattenere nella ignoranza la popolazione, negando il fatto.


Mrs. Eleanor Roosevelt presenta la Dichiarazione (1948)

In Internet  si applica la carta fondamentale dei diritti dell’uomo e non si riconoscono limitazioni o altre favole anche se travestite da favorevoli interpretazioni che al momento giusto verranno interpretate a piacere dal Potere!
Basta! Che la Boldrini pensi alla trasparenza! Alla necessita di leggi sull’uso delle droghe, in senso ampio, questione che sta rovinando un ‘intera generazione, pensi alla corruzione, pensi ad aiutare un popolo che ha veramente bisogno di buon senso e non dei soliti politici che travestiti quali difensori dei nostri diritti cercano invece di togliere la libertà di cresce, di comprendere, di capire, di apprendere! 
Possiamo ammettere la buona fede del potere? Assolutamente NO!, in questo momento troppi privilegi e interessi sono in discussione

Tucidide

--------------------------------------------------------
inutile spiegare cosa è un colore a qualcuno che non sa cosa sia, il tempo parlerà. Il cyberspazio necessita di libertà e indipendenza al fine di corregger gli errori iniziali imposti alla specie umana da pochi, in un contesto evolutivo primitivo.  
Oggi la visione intellettuale dell'uomo è cambiata  merito alle tecnologia- e alla scienza, ora si comprende quale mutazione può avere un concetto ugualmente  esposto, ma interpretato in posizioni geografiche diverse. Il gene FOXP2 viene aperto è ammirato nella sua capacità e già si presentano nuove frontiere.
Purtroppo il sistema industriale secondario, ha esasperato la condizione di sudditanza intellettuale, ma alcune piccole forze indipendenti esistono e esisteranno sinché esisterà l'uomo. Non imbrigliateci per i vostri interessi lasciate che la specie umana si evolva in libertà e ritroverete il voi stessi.

E' incomprensibile perché si voglia oltre al controllo che già avviene sull'hardware e che è già sufficiente a contenere ogni eventuale problema, perché si voglia costringere la gente a non evolversi e superare quella deficienza indotta da tempo dal Potere dei pochi.
Deve finire la prepotenza solo propensa a definirsi contenitore di persone al fine di pretendere privilegi e soldi! C'è da indignarsi!

Una Dichiarazione di Indipendenza del Cyberspazio 

Per i Governi del mondo industriale, stanchi giganti di carne e acciaio, noi 
veniamo dal Cyberspazio, la nuova dimora della Mente. A nome del futuro, chiedoiamo a
voi del passato di lasciarci in pace. Non siete i benvenuti tra noi, nessuna alcuna sovranità dove ci riuniamo. 

Nessun alcun governo eletto, né vediamo alcuna probabilità di avere uno, così ci rivolgiamo 
con nessuna autorità superiore a quella con cui la libertà stessa sempre parla. 
Dichiariamo lo spazio sociale globale che stiamo costruendo per essere naturalmente indipendenti dalle tirannie che cercate di imporci. Nessun valore morale vi conferisce il diritto di governarci e non siete in possesso di alcun metodo di costrizione vero che abbiamo  ragione di temere. 

I governi derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati ché hanno né sollecitato né ricevuto il nostro. Non siete invitati e noi sappiamo quanti ostacoli abbiamo dovuto superare per poter affermare il nostro mondo Libero. Il Cyberspazio non si trova all'interno dei vostri confini. Non pensate che si può costruire, come se si trattasse di un pubblico 
progetto di costruzione senza trasparenza . Non potete. Si tratta di un atto di natura e cresce stesso attraverso le nostre azioni collettive incontenibili, inarrestabili, incontrollabili. 

Non vi siete impegnati nella nostra grande raccolta di conversazione, né avete fatto 
creare d'implementare la ricchezza dei nostri mercati. Ignorate la nostra cultura, la nostra 
etica, i codici non scritti che danno alla nostra società più ordine che  essere ottenuta con le tue le vostre imposizioni. 

Voi affermate che ci sono problemi che è necessario risolvere.  Questa è una scusa possibile che utilizzate per rivendicare e per invadere le nostre aree. Molti di questi problemi che dite in effetti sono immaginari e si auto-superano. 
Dove ci sono conflitti reali, dove ci sono torti, ci sarà chi potrà  identificarli e affrontarli con i nostri mezzi. Stiamo formando il nostro Social Contratto. Questo potere si svilupperà secondo le condizioni della nostro mondo, non il Vostro. Il nostro mondo è diverso. 

Cyberspazio è fatto di transazioni, relazioni essenzialmente culturali e costruttive, pensieri puri disposti come un'onda permanente nella ragnatela delle nostre comunicazioni. Il nostro è un mondo che è ovunque e da nessuna parte, ma non è dove vivono i corpi. 

Stiamo creando un mondo che tutti possano entrare senza privilegi o pregiudizi basati sulla razza, potere economico, forza militare, o la stazione di nascita. 

Stiamo creando un mondo dove chiunque, ovunque può esprimere la propria convinzioni, non importa quanto singolari, senza paura di essere costretto al silenzio o conformità. 

I vostri concetti di proprietà, espressione, identità, movimento, e contesto non si applicano a noi. Essi si basano sulla materia, non c'è materia Qui. 

Le nostre identità non hanno corpo, così, diversamente da voi, non possiamo ottenere ordine dal coercizione fisica. Noi crediamo che dall'etica, interesse personale illuminato, 
e il bene comune, il nostro governo emergerà. Le nostre identità possono essere distribuite attraverso molte delle vostre giurisdizioni. 
L'unica legge che tutta la nostra cultura costituente riconosce che è la regola d'oro. Speriamo che saremo in grado di costruire le nostre soluzioni particolari su quella base. Ma per noi sono inacettabili le soluzioni che state cercando di imporre. 

Negli Stati Uniti, si è creato oggi una legge, le Telecomunicazioni Reform Act, che ripudia la propria Costituzione e insulta i sogni di Jefferson, Washington, Mill, Madison, DeToqueville, e Brandeis. questi sogni adesso devono rinascere in noi. 

Siete terrorizzati dei vostri figli, perché sono nativi in un mondo dove sarete sempre immigranti. Poiché li temete, affidate le vostre burocrazie le responsabilità di genitori che siete troppo codardi per affrontare voi stessi. Nel nostro mondo, tutti i sentimenti e le espressioni di l'umanità, dal degradante al angelica, sono parti di un tutto senza soluzione di continuità, la conversazione globale di bit. Non possiamo separare l'aria che soffoca dall'aria su cui battere le ali. 

In Cina, Germania, Francia, Russia, Singapore, Italia e Stati Uniti, si sta tentando di scongiurare il virus della libertà erigendo posti di guardia a le frontiere del Cyberspazio. Questi possono tenere fuori il contagio per un piccolo tempo, ma non funziona in un mondo che sarà presto ricoperta in media-bit cuscinetto. 

Le vostre industrie dell'informazione sempre più obsolete sarebbero perpetuare stessi proponendo leggi, in America e altrove, che pretendono di possedere parola stessa in tutto il mondo. Queste leggi dichiarano che le idee di essere un altro prodotto industriale, non più nobile della ghisa. Nel nostro mondo, qualunque sia la mente umana può creare può essere riprodotto e distribuito infinitamente a costo zero. Il trasporto globale del pensiero non ha più bisogno le vostre fabbriche per realizzare. 

Queste misure sempre più ostili e coloniali ci mettono nella stessa posizione di quegli antichi amanti della libertà e dell'autodeterminazione che aveva di rifiutare le autorità di poteri distanti e disinformati. Dobbiamo dichiarare le nostre coscienze virtuali immuni dalla vostra sovranità, anche se continuiamo a consenso per la regola sui nostri corpi. Noi ci espanderemo attraverso il Pianeta in modo che nessuno può arrestare i nostri pensieri. 

Creeremo una civiltà della Mente nel Cyberspazio. Possa essere più umana e giusta di quel mondo i vostri governi hanno fatto prima. 

Davos, Svizzera 
8 febbraio 1996 


************************************************** ************** 
John Perry Barlow, Dissident Cognitive 
Co-fondatore, Electronic Frontier Foundation